giovedì 6 settembre 2012

Sharm El Sheikh

Rispolverando gli album fotografici mi sono accorta di non avervi mai raccontato l'esperienza unica che ho avuto nel 2010: Sharm El Sheikh.
E' stata la mia prima vacanza da sola con Andrea (perchè prima eravamo troppo giovani) e me la ricorderò per tutta la vita.
Abbiamo alloggiato per una settimana al Marriott Sharm El Sheikh Resort, un'incantevole villaggio a Naama Bay, il vero centro turistico e balneare di tutto il Sinai meridionale.


Incantevoli le tre piscine sempre pulite e libere con uno staff veramente cordiale.
Purtroppo ho solo gli scatti di due piscine.



Noi abbiamo optato per una pensione completa altrimenti il Resort mette a disposizione cinque ristoranti che servono la colazione, il pranzo e la cena: c'è solo l'imbarazzo della scelta! 
Io e Andrea eravamo innamorati della colazione, come potete vedere nella foto sottostante, c'era una vastissima scelta di brioches e dolci.


A pranzo e a cena invece, i menù erano pressochè identici, soprattutto a base di riso e patate ma abbiamo avuto modo di degustare un'ottima tagliata al tonno e al pesce spada.



Se si preferiscono piatti più leggeri, il bar/caffetteria e servizio in camera sono disponibili 24 ore su 24. All'interno del Resort sono presenti: un parrucchiere, negozi di articoli da regalo/edicole, servizio lavanderia, cambio valuta e bancomat/servizi bancari.
Il servizio spiaggia era veramente ottimo infatti c'era la possibilità di cambiare il proprio salviettone quante volte si voleva.
Il primo giorno, dopo aver dormito qualche oretta per recuperare le forze, ci siamo diretti in spiaggia. Non ho mai visto un mare così  limpido, chiaro, pulito e soprattutto pieno di pesci.
Davanti al resort c'era una piccola barriera corallina dove si potevano vedere parecchie tipologie di pesci come il pesce farfalla fasciato, il pesce angelo imperatore, il pesce balestra, il pesce pappagallo ruggioso e il famoso pesce leone simbolo dell'hotel.




Durante la settimana io e Andrea abbiamo deciso di fare tre escursioni. 
La prima al mercato di Sharm El Sheikh, dove tra i negozi tipicamente "per turisti" si trovano ancora fruttivendoli, barberi, bar.
Una realtà cruda rispetto al lusso dei grandi alberghi che sorgono poco distanti. 
Ammetto che non mi sentivo molto sicura ad andare in giro da quando un venditore ambulante mi ha strattonata a forza nel suo negozio per vedere profumi e pergamene proprio in un momento in cui Andrea non se n'era accorto. 
Alla fine non è risultato un malintenzionato, anzi era un povero uomo che aveva bisogno di vendere i propri prodotti, ma io ho avuto paura comunque!


Un'esperienza da fare è assolutamente la Cammellata al tramonto con cena beduina sotto le stelle.
Durante questa escursione abbiamo avuto la fortuna di incontrare gli abitanti del deserto, tra cui bambini piccolissimi che conducevano il nostro cammello durante la camminata (poverini!).


Al termine della passeggiata in groppa ai simpaticissimi cammelli abbiamo degustato i prodotti locali e il thé beduino.
Dopo cena, ci siamo arrampicati su una collinetta per ammirare il tramonto: un'emozione unica!


Al nostro ritorno il cielo era già buio e iniziavano a spuntare le prime stelle, il momento adatto per  cantare davanti al fuoco insieme ai beduini.



La terza escursione è stata alla penisola di Ras Mohammed situata sull'estremità meridionale del Sinai, a circa 20 kilimetri da Sharm el Sheikh.
Ras Mohammed è un Parco Nazionale dal 1983 ed è un'area protetta e soggetta a numerosi vincoli legislativi che ne garantiscono la tutela.


Ci siamo fermati per due soste snorkeling dove abbiamo incontrato tantissimi pesci tropicali e il grande pesce Napoleone.



Pochi chilometri a Nord dell'aereoporto internazionale vi è l'area protetta di Nabq, di enorme interesse biologico e naturalistico.
A Nabq vi è la più grande foresta di mangrovie di tutto il Sinai. Le Mangrovie, che appartengono alla specie Avicenia Marina, hanno la particolarità di filtrare con le loro radici l'acqua marina espellendo i cristalli di sale dalle foglie. 
La nostra guida di nome Trezeguet (assomigliava davvero al calciatore francese!) ci ha detto che baciarsi davanti alle mangrovie lega la coppia tutta la vita, e logicamente io e Andrea l'abbiamo fatto.


Durante il tragitto, percorso in bus con autisti completamente pazzi ma simpatici, abbiamo fatto una tappa al Lago Magico.


Questo lago deve il suo nome a tre motivi : 
  • ai colori delle sue acque che cambiano nelle varie ore del giorno;
  • al fatto che la sua acqua piena di piombo non ha permesso ai satelliti di fotografate le sue forme (il lago non appare infatti in nessuna cartina geografica);
  • ad una tradizione beduina che vuole che una principessa innamorata abbia chiesto ad una maga come fare per fare innamorare di se il suo amato; la maga ha risposto che doveva fare 7 passi nel lago per avere fortuna, 10 per farlo innamorare e 15 per avere figli, da allora tutte le donne che vogliono trovare l’amore si immergono nelle sue acque fatate.
Ovviamente l’escursione comprendeva anche il bagno in queste acque con un canto tipico prima del tuffo (inventato dalla guida!ahhaah).

Appunti di viaggio
Fuso orario
Un'ora in più rispetto all'Italia.
Clima
Clima molto secco e ventilato.
Valuta
1€ vale circa 7,5 LE. 1 LE vale circa 0,13€.
Comunicazioni telefoniche
Per chiamare l'Italia bisogna comporre 0039 prima del numero mentre per chiamare l'Egitto dall'Italia bisogna comporre 0020 seguito dal prefisso della città (Sharm el Sheikh 69) e poi il numero dell'abbonato.
Fotografie
Fotocamere, videocamere e computer vanno dichairati in arrivo e partenza.
Medicinali
Preparate la valigia piena di Imodium ed Enterogermina, la loro acqua non si può bere e se per caso accadesse questi medicinali eviterebbero dei brutti inconvenienti.
Mance
Quasi obbligatorie. Lo staff è veramente cordiale e ogni mattina creava un'opera d'arte sui nostri letti, è giustissimo dagli qualche spicciolo. Guardate che meraviglia!


Sharm El Sheikh: un paradiso terreste, da visitare assolutamente una volta nella vita!
E voi siete andati a Sharm?
Un abbraccio

14 commenti:

  1. e hai fatto bene a farcele vedere anche con 2 anni di lontananza .. sono meravigliose queste foto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Katya sei sempre troppo gentile! :)

      Elimina
  2. E' un vero paradiso, quanti bei ricordi per il primo viaggio assieme!! Le fotografie, una più bella dell'altra. quella del tramonto nel deserto mi piace in particolare, la penultima per l'inquadratura originale.. vi invidio le colazioni e lo snorkel, l'acqua con tutti i pesci colorati!! Non ci sono mai stata, ma ero 2 volte alle Maldive, anche li un luogo incredibile e magico..
    ciao ciao
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dany sono felicissima che ti piacciano queste foto.
      Come dici tu è una vacanza importantissima per me e Andrea, che ricordi. Le Maldive sono nella mia lista dei "desideri" riguardo ai viaggi, sono veramente stupende come dicono?
      Un bacione

      Elimina
  3. bellissimo post e foto al top!
    un bacione Veronica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille come sempre carissima Mari!!!
      Un bacione grande!

      Elimina
  4. so beautiful. Looks like my holiday in Djerba this year :)
    Have a beautiful day,dear <3

    RispondiElimina
  5. hai un blog bellissimo, complimenti!!

    http://tirateladimeno.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sei gentilissima!!
      Grazie di cuore!!!

      Elimina
  6. wow! ma che carino il tuo post! l'ho trovato pieno di ispirazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Questa cosa mi rende molto molto felice!
      Un abbraccio

      Elimina