domenica 10 aprile 2016

Copenaghen - Christiania


Danimarca. Copenaghen.

Nel 1971 una zona militare abbandonata nel quartiere di Christianshavn è stata occupata dagli squarterò che l'hanno proclamata città libera ossia un'area non soggetta alle tasse e guidata da una legislazione interna.
Christiania si adatta ed è ancora un centro alternativo nel bel mezzo della capitale, con circa 1000 persone che vivono stabilmente.
Vedere Christiania è stata davvero un'esperienza unica: baracche, case colorate, murales, sculture all'aperto.


I turisti possono passeggiare tranquillamente liberi di fermarsi sulle bancarelle o nei bar.
Ma quando entri è importante che tu segua le indicazioni dei cartelli Do's and Don't (cosa si può e cosa non si può fare) posti all'ingresso.
Tra i divieti troviamo: correre, parlare al cellulare, non scattare fotografie all'interno.


Il quartiere della droga di Copenaghen, non a caso noto come Pusher Street, nome della sua vita principale, si caratterizza per la vendita diretta dell'hashish nei chioschetti.
Il governo danese, negli anni, ha chiesto che venissero rimosse le bancarelle che commerciano stupefacenti: oggi sono camuffate negli stand e non è possibile portare quanto acquistano fuori dalla zona.



Tutta la città è molto silenziosa, viene interrotta ogni tanto da qualche bisbiglio o scambio di parole composto.
Il disordine e il rumore non sembrano i benvenuti in questa piccola parte della città.
Il futuro di Christiania rimane incerto, in quanto l'esecutivo danese continua a premere per la sua rimozione.
Gli abitanti contrattaccano con l'umorismo - ad esempio nel 2002 quando le autorità chiesero che il commercio di hashish venisse reso meno visibile, le bancarelle vennero coperte con dei teli mimetici.
Nel 2011 è stato raggiunto un compromesso con i circa mille residenti. L'accordo prevedere il diritto di usufrutto sul quartiere occupato e autogestito, a condizione che gli abitanti acquistino attraverso un fondo l'intero complesso residenziale per 76,2 milioni di corone danesi, l'equivalente di circa 10,2 milioni di euro.
Con questi bellissimi scatti, pieni di colore e vita vi saluto e vi auguro una bellissima giornata.








Gli altri post riguardanti Copenaghen
Souvenir e prodotti tipici
Wake up - Borgergade


Potrebbero anche interessarti:
 


Nessun commento:

Posta un commento